Andy Warhol: a Roma i capolavori della Brant Foundation

0
Facebook
Twitter
Google+
LinkedIn
Pinterest
StumbleUpon
+

Palazzo Cipolla – Museo della Fondazione, Roma

18 aprile al 28 settembre 2014

Dopo il grande successo di pubblico ottenuto a Milano, Andy Warhol arriva finalmente a Roma. In mostra i dipinti del padre della Pop Art americana, dai francobolli, come S&H Green Stamps, i Red Elvis e il grandioso 192 One Dollar Bills, alle due splendide Marilyn, i dipinti trapassati in fronte dal colpo di pistola sparato in studio da un’amica del fotografo Billy Name.

Elvis Presley, stivale d'oro, 1956
Red Elvis, stivale d’oro, 1956

Altre super icone dell’artista americano sono proposte nell’evento romano, come i Brillo Box e i primi Flowers, i Mao, le Ladies and Gentlemen – serie dedicata alle Drag Queens di New York – e un gran numero di Skulls, i teschi che dal 1976 in poi si moltiplicano nel suo lavoro. Un’intera sala sarà dedicata alle polaroid che formano una sorta di gotha della New York anni ’60. Non poteva poi mancare un’Oxydation gigantesca, ottenuta urinando su pigmenti metallici e provocando così una reazione chimica incontrollabile e crea arcobaleni di colori.

Cubo scultura Brillo ,1964
Brillo box ,1964

Esposto anche un immenso Camouflage del 1986, stesso anno della serie in cui rese omaggio a Leonardo Da Vinci con Last Supper, presente in mostra. Questa dipinto, commissionato nel 1986 dal gallerista Alexandre Iolas, è formato da una serie che comprende oltre 100 opere gigantesche a basso costo, alcune fino a quaranta metri di lunghezza, con riproduzioni in bianco e nero da originali di Leonardo. Circa la metà di questi lavori è stata fatta serigrafando l’immagine, e l’altra metà proiettata su tela. Ironia della sorte, Andy Warhol morì meno di un mese dopo che questi dipinti furono esposti a Milano nel 1987, avendo subito un intervento chirurgico alla cistifellea. Questa serie è stata veramente la sua Ultima Cena.

Facebook
Twitter
Google+
LinkedIn
Pinterest
StumbleUpon
+