A Venezia una mostra “Solo per i tuoi occhi”: dal Manierismo al Surrealismo

0
Johann Heinrich Füssli. Incubo, olio su tela, 1871
Facebook
Twitter
Google+
LinkedIn
Pinterest
StumbleUpon
+

Collezione Peggy Guggenheim, Venezia

Fino al 31 agosto 2014

Manca poco più di un mese per vedere “Solo per i tuoi occhi”, esposizione che sta riscuotendo un enorme successo di pubblico e stampa. Il grande pubblico per la prima volta può ammirare una inestimabile selezione di opere provenienti dalla Collezione Richard e Ulla Dreyfus-Best di Basilea.

Una mostra sofisticata, inedita, con 120 pezzi, tra oggetti, dipinti, disegni e sculture che spaziano dal Medioevo ad oggi, rivelando l’anima di questa miracolistica collezione creata secondo un principio che non ammette una qualsivoglia casualità, seguendo gli indispensabili parametri di pregio e originalità rispetto alla propria natura di “miracolo”: essa costituisce un’impresa pionieristica. Il risultato è un’originale moderna sala museale della stanza dei miracoli.

Stefanus Lagerensis. XII secolo. Il soffiatore, bronzo, cm. 32 × 18 × 17. Collezione privata
Stefanus Lagerensis. XII secolo. Il soffiatore, bronzo, cm. 32 × 18 × 17. Collezione privata

Andreas Beyer, professore di storia dell’arte all’Università di Basilea, espone con questa mostra l’essenza dell’arte del collezionismo, e fa emergere l’attualissima diatriba dell’influsso e della vitalità che l’arte ha avuto nel corso dei secoli. La Collezione Richard e Ulla Dreyfus-Best, di per sé Gesamtkunstwerk (insieme di tutte le opere) unica, accosta opere profane a oggetti di ars erotica e ars religiosa, a partire dal XII secolo: i disegni dei maestri del Rinascimento e del Barocco incontrano gli enigmatici mondi pittorici del Surrealismo, le eccentriche visioni oniriche del XVIII secolo si trovano con i pezzi fantastici del Manierismo, il Simbolismo strizza l’occhio alla la Pop Art.

La prima sala evoca l’ambiente privato della collezione Dreyfus e viene riprodotto uno spazio intimo, mentre le altre sale hanno un carattere maggiormente espositivo. Tra gli innumerevoli capolavori presenti a Venezia si contano opere di maestri come Hans Baldung Grien, Hans Bellmer, Arnold Böcklin, Victor Brauner, Pieter Bruegel il Vecchio, Angelo Caroselli, Giorgio de Chirico, Francesco Clemente, Salvador Dalí, Francesco del Nomé, Gustave Doré, Max Ernst, Frans Floris, Johann Heinrich Füssli, Marten van Heemskerk, Jan van Kessel, Alfred Kubin, René Magritte, Man Ray, Gustave Moreau, Richard Oelze, Yves Tanguy e Andy Warhol.

L’esposizione è co-organizzata dalla Collezione Peggy Guggenheim, insieme al Kunstmuseum di Basilea, in Svizzera, dove sarà allestita dal 21 settembre 2014 al 4 gennaio 2015. A latere della mostra sono previsti progetti educativi, a testimonianza dell’autentica devozione verso l’arte, alla cui realizzazione ha contribuito la Fondazione Araldi Guinetti di Valduz. La realizzazione della mostra è stata generosamente sostenuta dalla Maison di Alta gioielleria Giampiero Bodino. Il catalogo è edito da Hatje Cantz in italiano, inglese e tedesco, con saggi del curatore Andreas Beyer e di Christian Müller, Bodo Brinkmann, Seraina Werthemann e Philip Rylands, con il contributo di Giulia Mazzolani.

Facebook
Twitter
Google+
LinkedIn
Pinterest
StumbleUpon
+