Howard Schatz. Il corpo mai visto nel segno dell’arte

0
Howard Schatz. Body Power
Howard Schatz. Body Power (part.)
Facebook
Twitter
Google+
LinkedIn
Pinterest
StumbleUpon
+

 Triennale, Milano

dal 28 maggio al 7 giugno 2015

In un allestimento di grande suggestione curato da Peter Bottazzi, ammiriamo 40 opere fotografiche che provengono dalle suggestive opere monografiche di Howard Schatz: I danzatori di “Dance”, i pugili di “At The Fight” e “Boxing” gli atleti di “Athlete”, i corpi di “Human Body” si affronteranno in una profondità onirica ed estatica nell’ambito dell’Impluvium presso la Triennale, che da aprile 2015 è uno dei padiglioni ufficiali di Expo.
Prestanza, ritmo, sospensione, gioia, parodia. Il centro della sua ricerca, il protagonista assoluto del lavoro di Schatz è il corpo umano. Esso si nutre del movimento nei lineamenti scagliati all’eccesso, dei giochi rocamboleschi tra luci danzanti e della veemenza cinetica che il corpo umano, temprato nel sigillo artistico o sportivo, può esternare.

Howard Schatz: dalla medicina alla fotografia

Howard Schatz è medico specializzato in oftalmologia, con una brillante carriera accademica alle spalle, vissuta tra l’Illinois e la California e incentrata sullo studio della retina. Settantacinqenne pieno di energia, nel pieno della maturità, ha scelto di lasciare la scienza medica e di trasferirsi a New York per dedicarsi interamente a quella che era già una grande passione: la fotografia.
In 25 anni ha realizzato una vastissima produzione di straordinaria coerenza formale e di altissima qualità tecnica. Oltre ad aver ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali, Schatz ha pubblicato circa venti monografie dedicate ai suoi lavori più importanti.

Le sue foto sono pubblicate nelle maggiori riviste internazionali, Time, Vogue, New Yorker e Photo e sono esposte in alcune delle più prestigiose gallerie pubbliche e private. Schatz, ogni scatto è il passo ritmico e danzante di un viaggio che non ha mai fine. “Non credo – ci ha detto l’autore – che io inventi il corpo, io vado a caccia di un tesoro, di cose che non avevo mai visto prima. Mi muovo intorno al corpo, cambio lenti, gioco con i flash… Mi affascinano i corpi, uomini, donne, coppie e cerco di mostrare quello che non avevamo visto. Fotografo per sorprendere e dare gioia”.

La mostra “Body Power” è stata concepita e realizzata insieme a Repower, azienda svizzera attiva a livello internazionale nel settore dell’energia. Fabio Bocchiola è il direttore per l’Italia. “Schatz per noi – ci ha spiegato – è stata una risposta a come riuscire a trovare un interprete di quella che era la nostra voglia di comunicare quello che vogliamo essere sul mercato. Sono ben contento di trovare in lui qualcuno che ha saputo capire il concetto di corpo e trasporlo in fotografia”.

Tra le fotografie in mostra nella sala Impluvium della Triennale si potrà ammirare anche una interpretazione molto personale dell’Ultima Cena di Leonardo, che Howard Schatz ha immaginato al femminile e ha scattato sott’acqua. Un omaggio a Milano e a questa mostra per lui molto particolare.

“Non avevo mai avuto una mostra così – ha concluso il fotografo – E’ stata allestita da una grande idea architettonica e di design e per me è una cosa incredibile, sono molto emozionato”.

Orari:
Lunedì, Domenica: 10.00 – 23.00. Ingresso libero

Link: triennale.org

Howard Schatz Photography. Il #fotografo americano della danza punta il suo sguardo indagatore e #creativo sul corpo in un modo mai visto primaA La Triennale di Milano dal 28 maggio al 7 giugno

Posted by Katarte on Thursday, May 28, 2015

Facebook
Twitter
Google+
LinkedIn
Pinterest
StumbleUpon
+