Ulderico Fioretti: il fumetto intercontinentale

0
Ulderico Fioretti disegna JAY-NA NUMBELAN nel suo studio
Facebook
Twitter
Google+
LinkedIn
Pinterest
StumbleUpon
+

Fratò Bakery Caffè di Sant’Omero (TE)

venerdi 14 settembre 2018

Mostra personale di Ulderico Fioretti: saranno esposte le tavole originali e illustrazioni della graphic novel JAY-NA: NUMBELAN, fantasy ispirato alle antiche leggende senegalesi. L’evento è organizzato da Luca Torzolini, direttore della galleria Holy Expo, che presenterà il lavoro dell’artista tramite un intervento poetico dedicato al fumetto. L’atmosfera della serata sarà corroborata dalle musiche oniriche di Antonio Feriozzi.

Ulderico Fioretti: pittore, illustratore, fumettista

Ulderico Fioretti è un illustratore e un disegnatore di fumetti, che predilige l’ambito narrativo del fantasy. Dopo aver lavorato alla creazione di copertine per la Galaad Edizioni e per l’azienda d’abbigliamento Scorpion Bay, ha esordito con la storia a fumetti della sua eroina ZUNA, nel numero 100 e 119 della storica rivista X Comics (Coniglio Editore). Collabora ad oggi con lo scrittore Dennis Mallonee per Heroic Publishing, disegnando League of Champions e diverse cover per la casa editrice californiana. Con Dennis Mallonee ha creato JAY-NA The Jungle Queen che ha debuttato su “League of Champions #15”. Sempre per la Heroic Publishing ha scritto e disegnato le origini della Regina della Giungla nella graphic novel JAY-NA: NUMBELAN.

L’evento: le Opere di Fioretti a Teramo

Il fantasy a fumetti e molte illustrazioni che vedono l’eroina in clamorosi incontri con eroi fumettistici d’altri tempi saranno in mostra da venerdi 14 settembre 2018, data del vernissage presso Fratò Bakery Caffè di Sant’Omero (TE), in un’esposizione personale dell’artista Ulderico Fioretti, incentrata sulla sua ultima graphic novel per la Heroic Publishing di Los Angeles. Il direttore della casa editrice, Dennis Mallonee, dichiara: “è stato un grande piacere lavorare con lo straordinario talento di Ulderico: ha una capacità compositiva e una particolare abilità nel narrare storie attraverso il fumetto”.

Ulderico Fioretti: JAY-NA NUMBELAN 1 di 2 - Cover (particolare)
Ulderico Fioretti: JAY-NA NUMBELAN 1 di 2 – Cover (particolare)

La Heroic Publishing di Dennis Mallonee, pubblica fumetti supereroistici indipendenti da oltre trent’anni e, dopo vari tentativi andati a vuoto tra case editrici europee e la casa editrice californiana, finalmente è stato pubblicato per la prima volta in Italia e in Europa un loro prodotto di nicchia: JAY-NA: NUMBELAN 1 of 2. Tutto ciò è stato possibile grazie all’incredibile collaborazione fra la Heroic Publishing e la Holy Edit di Luca Torzolini e sarà possibile trovare all’evento un’edizione limitata della graphic novel. Torzolini afferma che “È davvero bello osservare come la creazione di ponti culturali attraverso le opere d’arte possa unire Italia e America nella narrazione di leggende legate ad un popolo e ad una cultura, distante e al contempo affascinante, come quella africana”.

La collaborazione tra Holy Edit e Heroic Publishing apre la strada ad una possibile cooperazione tra l’editore americano e gli editori italiani interessati a portare in Italia alcuni dei migliori cicli di storie della Heroic: FLARE, LEAGUE OF CHAMPIONS, LIBERTY GIRL, ANTHEM,  CAPTAIN THUNDER & BLUE BOLT, THE SENSATIONAL G-GIRL, THE BLACK ENCHANTRESS, CHAMPIONS ADVENTURES, MURCIELAGA SHE-BAT. Questa potrebbe essere una grande occasione di far conoscere lavori, inediti nel vecchio continente, scritti e disegnati da alcuni tra gli autori più importanti e influenti del fumetto mondiale quali Roy Thomas, George Perez, Mark Beachum, Dick Giordano, David Mack, Benito Gallego e molti altri.

L’evento del 14 settembre è stato organizzato da Luca Torzolini che, oltre al ruolo di editore, ricopre il ruolo di direttore della galleria Holy Expo e presenterà la serata attraverso un intervento poetico, narrando il viaggio fino a Los Angeles fatto per incontrare l’editore californiano in un luogo singolare, simbolo americano della fantasia e della creazione fumettistica e animata: Disneyland.

Il reparto musicale sarà nelle mani di Antonio Feriozzi, il polistrumentista che da poco ha pubblicato il suo ultimo album Contemporary Discompfort. Il nuovo album dell’artista, uscito nel mese di febbraio 2018 per etichetta UDEDI Musica e Cultura, è nato lavoro meticoloso di ricerca e sperimentazione sia per quanto riguarda la composizione stessa dei brani, sia per la produzione dei suoni, rumori, frequenze e strumenti musicali inseriti all’interno delle 7 tracce presenti nel disco. L’album non è solo una fusione tra musica e rumoristica, ma si propone come un’azione artistica, con aspetti interdisciplinari, un album strumentale con lo scopo di riscoprire il suono e la vibrazione come essenza dell’essere umano e dalla materia. Per creare questo disco, Antonio Feriozzi ha usato la chitarra elettrica come strumento principale per sviluppare uno stile proprio e originale, synth analogici, percussioni, didgeridoo, dan bau, il tutto seguendo un metodo esecutivo non “canonico” e avvalendosi dell’utilizzo di effettistica.

Ulderico Fioretti sarà presente all’evento per firmare le fine arts di un’illustrazione realizzata appositamente per l’evento e spiegherà ai presenti la genesi dell’opera, ricordando che il Cacciatore è l’allegoria del disastro che l’uomo compie ogni giorno nei confronti del pianeta.

La trama del fumetto

La trama di JAY-NA NUMBELAN narra le vicende che si svolgono nel leggendario regno degli animali, Numbelan appunto, il quale è sul punto di scomparire per mano del terribile Cacciatore. La bramosia per l’immortalità lo spinge a uccidere gli animali magici per bere il loro sangue ottenendo, così, incredibili poteri e la possibilità di vivere in eterno. Dopo aver sterminato la fauna del magico regno rimangono solo il re leone Gayde e la regina Jay-Na, aiutati da una potente sciamana e dal suo fido discepolo. Le fazioni del bene e del male sono in guerra, tutto è incerto: le azioni malvagie del cacciatore hanno aperto la porta dell’oblio e il Re del Caos è risorto.

La passione dell’artista per i fumetti

Il primo contatto col fumetto

“Io ho iniziato a disegnare da bambino, quasi sempre personaggi dei cartoni animati e dei fumetti, poi ho studiato presso l’Istituto d’Arte di Pescara (Italy). In seguito, ho studiato praticamente da autodidatta, affinando le varie tecniche e iniziando a lavorare nel campo dell’editoria e dell’abbigliamento in qualità di illustratore, ma non ho mai abbandonato i fumetti, infatti ho iniziato a collaborare con diverse case editrici indipendenti fino a collaborare con la Heroic Publishing. Mi ha attratto subito proprio questo particolare modo di narrazione sin da bambino. Per me era bellissimo leggere e contemporaneamente vedere i personaggi, ipotizzando la loro voce e i suoni delle onomatopee mentre interagivano con la storia e immaginando cosa succedeva tra una vignetta e l’altra. Era differente dal leggere libri o libri illustrati, ma anche molto diverso dai cartoni animati che guardavo al tempo. L’amore per la narrazione sequenziale credo sia stata una specie di folgorazione.”

I fumetti dei supereroi

“Da bambino leggevo i fumetti per quell’età, poi, grazie a un mio amico d’infanzia, ho iniziato a leggere fumetti Marvel Comics e ho conosciuto gli X-Men by Chris Claremont: un livello superiore in confronto al resto. La tematica verso le disuguaglianze e la lotta per abbatterle hanno sempre fatto parte della mia vita e ho sempre creduto in questo, gli X-Men erano esattamente il fumetto per me e li ho adorati subito, soprattutto personaggi come Wolverine, Storm e Rogue, ma l’attimo che ha accresciuto l’amore per il fumetto è stato leggere “Wounded Wolf” (Uncanny X-Men Vol 1 205) by Chris Claremont & Barry Windsor-Smith, pubblicato in Italia da Star Comics nel 1990 (o 1991… non ricordo esattamente). Per me è stato il primo approccio con il fumetto di altissimo livello. Una qualità nei dialoghi e nei disegni che ha cambiato la mia percezione di questa splendida arte, riconoscendo il valore artistico che può esprimere. Dopo qualche mese, lessi per la prima volta, a casa di un amico, “Il Mercenario” di Vicente Segrelles e di nuovo sono rimasto estasiato nel vedere l’altissima qualità delle vignette dipinte e della narrazione. Da quel momento è stato un susseguirsi di letture di fumetti di alto livello: Wolverine: Arma X, Druuna, Conan The Barbarian, L’Incal, La Casta dei Meta-Baroni, Watchmen, Valentina, Akira, Batman: The Dark Knight, Arzach, Devilman e altri…”

Il passaggio alla graphic novel

In realtà volevo disegnare american comics da quando ero bambino, in particolare volevo disegnare Wolverine (il mio preferito). Col passare del tempo, ho notato una certa involuzione della Marvel e m’è passata la voglia, però ho sempre voluto disegnare fumetti supereroistici. Ho avuto quest’occasione grazie alla Heroic Publishing e al suo editore Dennis Mallonee, che ringrazierò sempre. Precedentemente, sono stato contattato dalla Coniglio Editore per partecipare a X Comics 100 che era interamente dedicato a fumettisti esordienti. La casa editrice aveva notato il mio lavoro sul mio blog art e avevano già scritto un articolo su di me in X Comics 96, dopodiché mi hanno chiesto di partecipare. In precedenza stavo già pensando di scrivere e disegnare la mia Zuna ed è stata l’occasione giusta per farla esordire. Ricordo ancora cosa scrissero nel redazionale: “ Poi c’è il fantasy erotico di Ulderico Fioretti, che ci offre un’avventura tra Druuna e Conan il Barbaro, introducendo la sua eroina Zuna.” Chiesi di poter disegnare anche la cover e sono stato accontentato. Successivamente Zuna è apparsa anche su X Comics 119 e ci eravamo accordati per farla uscire in sei numeri l’anno, ma non ho potuto continuare perché dopo poco tempo la Coniglio Editore ha chiuso i battenti. Per Zuna forse è meglio così, perché dopo quel periodo ho iniziato a scrivere la sua saga e ho impiegato otto anni per ultimarla. Non so ancora quando inizierò, ma sono sicuro che sarà almeno di dieci volumi a fumetti. Zuna è uno dei primi personaggi che ho creato, dovrei avere ancora un disegno di lei datato 1996. Le sono molto affezionato.”

Nel frattempo attendiamo con grande curiosità la conclusione di JAY-NA: NUMBELAN 2 of 2 (attualmente in lavorazione) e possiamo seguire Ulderico sulla sua pagina facebook o visitare il suo sito ufficiale dell’artista

Ulderico Fioretti: vernissage live set Sant'Omero Teramo

Facebook
Twitter
Google+
LinkedIn
Pinterest
StumbleUpon
+